giovedì 17 ottobre 2013

L'Appello MUSICA SCUOLA CURRICOLO TERRITORIO consegnato al Ministro On. Maria Chiara Carrozza


Una delegazione del Forum Nazionale per l’educazione musicale composta dal coordinatore Checco Galtieri, da Giovanni Piazza (ideatore dell’iniziativa) e da Annalisa Spadolini funzionario della Direzione Generale per il personale del MIUR ha incontrato giovedì 10 ottobre alle ore 15,00 il Ministro dell’Istruzione Maria Chiara Carrozza.
E’ stato presentato il Forum e ne sono stati illustrati gli scopi, sottolineandone la forza numerica (si parla di una utenza di circa 150.000 unità) e la forza qualitativa insita nella sua composizione: un luogo di incontro tra il Terzo Settore e docenti di Conservatorio, Università e Scuola Pubblica; un tavolo di discussione tra Cori e Scuole di musica, Associazioni disciplinari e metodologiche con l’apporto di Centri studi, l’approssimarsi delle Bande musicali e quant’altro.
In considerazione del ruolo di supplenza alle Istituzioni Statali che singoli insegnanti ed il mondo dell’Associazionismo in generale hanno svolto in questi trent’anni e della necessità che questo ruolo sia superato attraverso una collaborazione più ampia con l’Istituzione Pubblica, è stata ribadita l'importanza dell'Educazione Musicale in tutti i livelli scolastici a cominciare dalla Scuola Primaria, in stretta connessione con la crescita di un futuro cittadino più consapevole, attento e creativo.
Sono state presentate poi le tre richieste dell'appello sostenute dalle oltre undicimila firme e da un drappello di illustri patrocinatori:
1- l’inserimento organico nel primo ciclo d’istruzione di un insegnante specializzato in didattica della musica in ogni scuola come promotore e coordinatore delle attività musicali;
2- l’inserimento organico nella Scuola secondaria di II grado di docenti di materie musicali al fine di garantire un’adeguata presenza della musica, della sua cultura e della sua storia nella formazione degli studenti;
3- il sostegno alle attività formative musicali, e in generale artistiche, anche attraverso deduzioni fiscali come già avviene per le attività sportive; (su questo punto il Ministro ha segnalato le difficoltà frapposte dalla Ragioneria dello Stato).

La delegazione ha poi illustrato le possibilità e le opportunità che il Protocollo d’intesa (al quale il Ministro è sembrato fare particolare attenzione) stipulato in primavera fra il Forum e il MIUR DGPER può produrre.
Infine è stato sottolineato il lavoro congiunto di tutto il Forum chiedendo che almeno un rappresentante del Forum stesso sia inserito nei vari gruppi di lavoro e tavoli che prendono al Ministero le decisioni concrete e pratiche.
Il Ministro ha seguito con crescente interesse la presentazione e mostrato la massima disponibilità, in particolare in merito all’ultima richiesta, ringraziando il Forum e tutti noi per quanto abbiamo fatto e facciamo per la Musica in Italia.
E noi ringraziamo il Ministro per quanto farà per aiutarci! Il lavoro continua.



Nella foto allegata da sx a dx Giovanni Piazza, il Ministro Maria Chiara Carrozza, Annalisa Spadolini e Checco Galtieri.

giovedì 3 ottobre 2013

in seno all'iniziativa

Una Musica per Tutti


Settimana dedicata a musica e disabilità (convegni, formazione, concerti)

promossa da Fondazione Andreoli, Assonanza, AIdSM, Regione Emilia Romagna

il Forum Nazionale per l'Educazione Musicale, parteciperà alla giornata convegno di mercoledì 16 ottobre 2013 ottobre presso l'Accademia dei Filarmonici (sala Mozart)
Via Guerrazzi, Bologna

Download pieghevole evento

venerdì 27 settembre 2013

30 anni di Centro Goitre: Convegno e Seminari

CONVEGNO e SEMINARI
LA DIDATTICA MUSICALE
Convergenze e Divergenze. Associazioni e Istituzioni
19-20 ottobre 2013
Avigliana (To)

SABATO 19 OTTOBRE 
ore 9.45 
30 Anni di Centro Goitre: storia e riflessioni
interventi di: Mario Pigazzini, Giorgio Guiot, Claudio Chiavazza, Claudio Lagomarsini, Vannamaria Chiavazza, Dariella Gallo, Lorella Perugia
moderatore: Claudio Chiavazza
ore 14
SEMINARI: Esperienze a confronto
Andrea Apostoli AIGAM – Associazione italiana Gordon per l’apprendimento musicale
Giuliana Casagrande LMSOOE - Landesmusikschule Oberösterreich
ore 21,00
CONCERTO DEL CORO DEI PICCOLI CANTORI DI TORINO diretto da Carlo Pavese 


DOMENICA 20 OTTOBRE
0re 9,30
SEMINARIO: Esperienze a confronto
Rappresentazione della fiaba musicale «Il Verme Schiff» con gli allievi del Centro Goitre
Seminario di Elena Staiano Centro Studi di Didattica Musicale Roberto Goitre
14,00 TAVOLA ROTONDA 
CONVERGENZE E DIVERGENZE METODOLOGICHE
interventi di: Luciano Pasquero, Alberto Odone, Maurizio Bovero, Teresa Sappa 
Moderatore: Alvaro Vatri 
16,00 TAVOLA ROTONDA 
ASSOCIAZIONI MUSICALI E ISTITUZIONI
interventi di: Francesco Galtieri, Francesco Chiaro, Dario De Cicco.
Moderatore: Alvaro Vatri

Aree dedicate
AREA ESPOSITIVA e di VENDITA di PUBBLICAZIONI sulla DIDATTICA MUSICALE
ESPOSIZIONE «30 ANNI DI CENTRO GOITRE»: immagini, articoli, testimonianze


giovedì 19 settembre 2013

ODG approvato in Senato il 19 settembre 2013

Approvato oggi in Senato un importante ordine del giorno che ha recepito alcune istanze del Forum nazionale per l'educazione musicale:

Ordine del Giorno n. G100 al DDL n. 1014

G100

MATURANI, MARTINI, FERRARA ELENA

Il Senato,
premesso che:

la musica, intesa sia come produzione sia come ascolto consapevole, rappresenta un'attività educativa di portata inestimabile per una formazione globale, percettiva, emotiva, relazionale, intellettiva e psicofisica della persona, come affermato anche nella road map sull'educazione artistica nella Conferenza mondiale promossa dall'ONU nel 2006 a Lisbona e ripresa nell'Agenda della Conferenza di SeuI del 2010;

il nostro Paese si è distinto sin dagli anni '70 per l'elaborazione, ad opera di associazioni e scuole musicali sul territorio e grazie a decenni di esperienze e sperimentazioni non seconde rispetto ad altre realtà internazionali, di una vastissima quantità di contenuti e buone pratiche musicali didattiche, in grado di offrire contributi specifici sul piano dei modelli formativi per i vari livelli scolari;

tuttavia, né ragguardevoli, ma episodiche iniziative istituzionali (extracurricolari), né l'iniziativa di dirigenti scolastici e di insegnanti motivati e fattivi, né la collaborazione delle tante scuole e associazioni musicali sul territorio (tra cui numerose quelle già riconosciute dal Ministero), sono riuscite finora a risolvere il permanere di una presenza irregolare e discontinua della musica nella scuola, congiunta alla diffusa presenza di attività non sostenute da effettive competenze didattico musicali;

molte ricerche scientifiche attestano l'importanza di una formazione musicale fin dalla più tenera età, per lo sviluppo completo delle varie forme di intelligenza, per una adeguata e integrale educazione alla cittadinanza, per lo sviluppo integrale della personalità;

a tal fine sarebbe necessario promuovere le attività formative in campo musicale e artistico svolte dalle istituzioni pubbliche e dalle associazioni del terzo settore, sopperendo per certi aspetti alla carenza dell'offerta formativa in campo artistico e musicale della scuola, venendo incontro alle esigenze delle famiglie, anche in vista della prevenzione del disagio sociale, incrementando le attività economiche nel campo delle arti;

per far fronte alla maggiore spesa conseguente alla realizzazione delle suddette finalità sarebbe sufficiente il maggior gettito derivante da un aumento delle suddette attività e dal contributo ad una congrua 'emersione'dall'area grigia di numerose iniziative del terzo settore;

impegna il Governo:

ad adottare le iniziative necessarie a promuovere le attività formative in campo musicale e artistico svolte dalle istituzioni pubbliche e dalle associazioni del terzo settore, al fine di consentire a tutti la possibilità di acquisire una adeguata educazione musicale;

a valutare l'opportunità di prevedere forme di detrazione delle spese sostenute per l'iscrizione e la frequenza di corsi per la formazione artistica dilettantistica musicale, teatrale e coreutica, al fine di sostenere le famiglie nella spesa per lo svolgimento di attività così importanti per la formazione individuale.

Intervento della Senatrice Elena Ferrara sul decreto Bray

lunedì 24 giugno 2013

La formazione musicale nella scuola - Convegno di Bologna del 14 giugno 2013

In occasione del MusicItalyShow si è tenuto il Convegno La formazione musicale nella Scuola
L’esperienza musicale è componente essenziale della formazione globale del cittadino. La realtà attuale presenta luci e ombre sia sul piano strutturale sia in merito a metodologie e contenuti. Analisi e proposte.

In Radio Musicheria (>>> QUI) è possibile ascoltare le relazioni e gli interventi.
Nell'ordine:
- Introduzione di Mario Piatti
- Saluti di Claudio Formisano (DISMA)
Relazioni
- Mario Piatti, Luci e ombre della formazione musicale scolastica
- Annalisa Spadolini, La formazione docenti: quale equilibrio fra le esigenze e le richieste dei docenti italiani e la necessità di delineare un quadro di sistema di qualità. Le recenti attività formative del Miur.
- Ciro Fiorentino, Quale formazione iniziale per le nuove figure professionali musicali della scuola.
- Roberto Neulichedl, La musica tra le arti: per una proposta di valorizzazione dell'espressione artistica nel sistema della pubblica istruzione in Italia e nel quado europeo.
Interventi
- Associazione Italiana Scuole Di Musica
- Associazione Italiana Kodály per l'Educazione Musicale
- Il Saggiatore Musicale Gruppo per l'Educazione Musicale
- Società Italiana per l'Educazione Musicale.
- Antonio Monzino (DISMA)
- Mario Piatti
- Annalisa Spadolini
- Roberto Neulichedl

venerdì 7 giugno 2013

Convegno del Forum al Music ItalyShow

-->

CONVEGNO
“La formazione musicale nella Scuola” 

L’esperienza musicale è componente essenziale della formazione globale del cittadino. La realtà attuale presenta luci e ombre sia sul piano strutturale sia in merito a metodologie e contenuti. Analisi e proposte. 

Sala Notturno, Centro servizi, 1° piano, Blocco D Fiera di Bologna, 14 Giugno 2013 

Ordine dei lavori:
ore 14.30 Apertura dei lavori con Mario Piatti (CSMDB), Roberto Neulichedl (DDM-GO), Annalisa Spadolini (CNAPM), Ciro Fiorentino (COMUSICA), Claudio Formisano (Dismamusica)
ore 15.30 Tavola rotonda con i rappresentanti delle associazioni aderenti al Forum per l’educazione musicale
ore 16.30 Dibattito con il pubblico
ore 17.30 Chiusura dei lavori
Hanno inoltre assicurato la loro presenza: Chiara Sintoni, Teresa Sappa e Maurizio Sciuto.
Hanno aderito le associazioni: AIKEM, Associazione Italiana Jaques-Dalcroze, Centro Attività Musicali AURELIANO, Centro Studi Musica e Arte, CDM, Centro Goitre, COMUSICA, CSMDB, DDM-GO, Donna Olimpia, Musica in Culla, OSI-Orff-Schulwerk, Saggiatore musicale – SagGEM, Scuola Popolare di Musica di Testaccio e SIEM.
Agli iscritti al Convegno è assicurato l’ingresso giornaliero alla Fiera al costo simbolico di 2 euro. L’iscrizione deve essere inviata all’indirizzo e-mail info@comusica.name entro il 12 Giugno 2013.
Ulteriori informazioni alla pagina www.comusica.name

martedì 14 maggio 2013

Nota Miur relativa al Protocollo d'intesa Forum-Miur

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Dipartimento per l’istruzione
Direzione generale per il personale scolastico
 Ufficio VI

Roma, 14 Maggio  2013                                                                                           

Per disposizione del Dirigente dell’ Ufficio VI, Dr. Maurizio PISCITELLI, si trasmette la nota A00DGPER prot. n. 4725 del  14   Maggio 2013 con allegato, a Firma del Direttore Generale per il personale scolastico Luciano CHIAPPETTA, avente per oggetto: “Diffusione della cultura e della pratica musicale nella scuola: protocollo d’intesa fra le Associazioni aderenti al Forum per l’educazione musicale e il MIUR Direzione Generale per il  Personale scolastico “.

Prof.ssa Annalisa Spadolini
Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
Dipartimento dell'Istruzione
Direzione del personale scolastico - Ufficio VI
>>> leggi la nota

lunedì 18 febbraio 2013

Protocollo d'intesa tra Miur e Forum

Il Ministero dell'Istruzione, Università e Ricerca - Direzione generale per il personale scolastico e il Forum per l'educazione musicale hanno sottoscritto, il 7 febbraio 2013 un Protocollo d'intesa impegnandosi «di comune intesa ed in stretta connessione con le istituzioni scolastiche, a promuovere e monitorare attività di ricerca-azione su temi di rilevante interesse per lo sviluppo dell'educazione musicale nelle scuole di ogni ordine e grado, sostenendo e incoraggiando il rinnovamento delle metodologie didattiche, anche attraverso un confronto con le esperienze degli altri Paesi europei» (art. 1).
Per l'attuazione di quanto previsto del Protocollo è stato istituito presso il Miur «un Gruppo di lavoro del quale fanno parte rappresentanze istituzionali del Miur, del Comitato nazionale per l'apprendimenti pratico della musica e un rappresentante per ogni soggetto firmatario del Forum per l'educazione musicale» (art. 5).
Il testo completo del Protocollo è visibile >>> QUI.

sabato 16 febbraio 2013

APPELLO DEL FORUM PER L’EDUCAZIONE MUSICALE (16 febbraio 2013)

--> 
MUSICA SCUOLA CURRICOLO TERRITORIO

Le Associazioni e scuole aderenti al Forum per l'educazione musicale invitano a sottoscrivere l'Appello MUSICA SCUOLA CURRICOLO TERRITORIO indirizzato "Al Ministro dell'Istruzione che verrà..." allo scopo di:
a) inserire organicamente un insegnante specializzato in didattica della musica in ogni scuola elementare;
b) inserire organicamente il docente di materie musicali nella Scuola secondaria di II grado;
c) sostenere le attività formative musicali, e in generale artistiche, anche attraverso deduzioni fiscali.

PER SOTTOSCRIVERE L'APPELLO CLICCA QUI

giovedì 14 febbraio 2013

La formazione musicale degli insegnanti delle scuole dell'infanzia e primaria (maggio 2012)

-->
- Alla segreteria del Ministro Dott. Francesco Profumo
- Al Direttore generale AFAM Dott. Bruno Civello
- Al Comitato nazionale per l'apprendimento pratico della musica
nella persona del Presidente On. Luigi Berlinguer
- Alla Commissione VII della Camera dei Deputati (Cultura, Scienza e Istruzione)
- Alla Commissione VII Senato della Repubblica (Istruzione pubblica e Beni Culturali)
- Ai sindacati della scuola FLCGIL, CISL SNALS, UIL, GILDA-UNAMS, COBAS
- Al Presidente della Conferenza dei Direttori di Conservatori Dott. Bruno Carioti
(con preghiera di diffusione presso i Direttori dei Conservatori)
- Al Cnam nella persona del Presidente Giuseppe Furlanis
- Al CUN nella persona del Presidente Andrea Lenzi


Documento/appello del FORUM PER L’EDUCAZIONE MUSICALE

La formazione musicale degli insegnanti delle scuole dell’infanzia e primaria

Il Forum per l’educazione musicale, a cui aderiscono 24 associazioni nazionali che si occupano di educazione musicale,

CONSIDERATO che nei vigenti ordinamenti delle scuole dell’infanzia e primaria l’esperienza musicale è ritenuta una componente essenziale per la formazione globale della persona e del cittadino;

RITENENDO che la conduzione delle esperienze musicali e i percorsi di apprendimento finalizzati al raggiungimento dei traguardi previsti dalle Indicazioni per il curricolo, così come emanate dal MIUR nel 2007, debbano essere affidati a insegnanti che abbiano una adeguata competenza musicale teorica e pratica oltre che specifiche capacità didattico-musicali;

PRESO ATTO che il d.m. 10 settembre 2010 n. 249 «disciplina… i requisiti e le modalità della formazione iniziale degli insegnanti della scuola dell’infanzia, della scuola primaria e della scuola secondaria di primo e secondo grado» e che «la formazione iniziale degli insegnanti di cui all'articolo 1 è finalizzata a qualificare e valorizzare la funzione docente attraverso l’acquisizione di competenze disciplinari, psico-pedagogiche, metodologico-didattiche, organizzative e relazionali necessarie a far raggiungere agli allievi i risultati di apprendimento previsti dall'ordinamento vigente»;

PRESO ATTO altresì che, per quanto riguarda la formazione musicale il d.m. citato prevede, per i futuri laureati, solo la «conoscenza di elementi di cultura musicale» da acquisire tramite insegnamenti a cui sono attribuiti 8 crediti formativi (in pratica quindi solo 200 ore tra lezioni e studio personale in cinque anni) e con attività di laboratorio a cui è attribuito un credito (quindi massimo 25 ore in cinque anni);

CONSIDERATO anche le difficoltà a reperire adeguate e nuove risorse; e l’inutilizzo finora avvenuto da parte delle istituzioni delle potenzialità fornite dal mondo dell’associazionismo musicale, corale e del terzo settore con conseguente spreco ai fini degli stessi obiettivi ministeriali;

RITENENDO assolutamente insufficiente il tempo dedicato alla formazione musicale dei futuri insegnanti e decisamente incongruente la limitazione alla “conoscenza di elementi di cultura musicale” ai fini dell’acquisizione di competenze pratiche (strumentali e vocali) e teoriche (storico-musicali e pedagogico-didattiche) adeguate alle specifiche attività didattico-musicali che permettano ai bambini e alle bambine delle scuole dell’infanzia e primarie di raggiungere i traguardi previsti;

CHIEDONO:

a) che l’insegnamento della musica nelle scuole dell’infanzia e primaria, che deve essere garantito a tutti i bambini e le bambine di tutte le sezioni/classi, sia affidato a docenti che abbiano specifici titoli di studio nel campo della didattica della musica, conseguiti in istituzioni AFAM o in corsi di laurea universitari; e che, a tal fine, sia istituita una specifica classe di concorso così da garantire continuità e validità all’insegnamento della musica;

b) che sia riformulata, a tal fine, la Tabella 1 del d.m. 249 relativa agli obiettivi formativi qualificanti e alle attività formative caratterizzanti, e l’attivazione di corsi specifici per gli insegnanti di musica nelle scuole dell’infanzia e primarie (così come previsto dal d.m. 31 gennaio 2011 n. 8, art. 3 comma 1), promuovendo proficue collaborazioni sulla base di quanto disposto dall’art. 4 comma 3 del suddetto d.m. 249: «I corsi di laurea magistrale possono essere istituiti con il concorso di una o più facoltà dello stesso ateneo ovvero, sulla base di specifica convenzione, con il concorso delle facoltà di più atenei o in convenzione tra facoltà universitarie e istituzioni dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica» e tenendo anche conto di quanto previsto dal d.m. 28 settembre 2011 sulla possibilità di contemporanea iscrizione ai corsi di studio presso le Università e presso gli Istituti Superiori di Studi Musicali e Coreutici;

c) che siano attivati albi o registri per l’accreditamento di associazioni musicali, corali ed enti accreditati alla formazione presso gli Uffici Scolastici Regionali;

d) che siano garantiti a TUTTE le scuole dell’infanzia e primarie adeguati finanziamenti per l’attivazione di convenzioni con associazioni musicali ed enti accreditati presso gli Uffici Scolastici Regionali ai fini dell’affidamento d’incarichi a operatori musicali in possesso di specifiche competenze e titoli, con riferimento alle indicazioni del d.m. 31 gennaio 2011 n. 8.


Firmato

ADUIM - Associazione Docenti Universitari Italiani di Musica
AIdSM - Associazione Italiana delle Scuole di Musica
AIF – CM – Accademia Italiana del Flauto Corsi Musicali
AIGAM - Associazione Italiana Gordon per l'Apprendimento Musicale
AIJD - Associazione Italiana Jaques-Dalcroze
AIKEM - Associazione Italiana Kodály per l'Educazione Musicale
CAM - Centro Attività Musicali Aureliano
CANTA SCUOLA
CDM - Centro Didattico Musicale
CEMAT - Federazione
CENTRO GOITRE - Centro Studi di Didattica Musicale Roberto Goitre
COMUSICA – Coordinamento dell’Orientamento Musicale
CSMDB - Centro Studi musicali e sociali Maurizio Di Benedetto
DDM-GO - Docenti Didattica della Musica - Gruppo Operativo
FENIARCO - Federazione Nazionale Italiana Associazioni Regionali Corali
FIM – Federazione Italiana Musicoterapeuti
IL SAGGIATORE MUSICALE - SagGEM
LIBERENOTE - Musica e Cultura
MUSICA in CULLA - Coordinamento Nazionale
MUSICHERIA.net
OSI – Orff-Schulwerk Italiano
SIEM - Società Italiana per l'Educazione Musicale
SPM Donna Olimpia - Scuola Popolare di Musica Donna Olimpia
SPMT - Scuola Popolare di Musica di Testaccio

martedì 12 febbraio 2013

Lettera ai parlamentari sul riordino dei Licei (dicembre 2009)

-->
Alla On. Valentina Aprea
Agli Onorevoli membri della VII Commissione Cultura della Camera
e p.c., Al Presidente e ai Senatori membri della VII Commissione del Senato della Repubblica

28 dicembre 2009

Oggetto: bozza di parere presentata in VII Commissione della Camera dei Deputati dall'On. Aprea nella seduta del 17 dicembre u.s., relativa allo «Schema di decreto del Presidente della Repubblica recante regolamento concernente la revisione dell'assetto ordinamentale, organizzativo e didattico dei licei. Atto n. 132.»
           
Le sottoscriventi Associazioni, vista la bozza di parere di cui all’oggetto,
            premesso che si ritiene utile e opportuna l’attivazione del Liceo musicale e coreutico unitamente a quella degli altri Istituti secondari superiori, auspicando anche che “Musica” sia presente nei piani di studio di tutte le scuole secondarie di II grado, e che vengano emanate specifiche norme per il potenziamento dei corsi a indirizzo musicale nelle scuole secondarie di I grado, naturale premessa dei corsi del Liceo musicale e coreutico,
            osservano quanto segue:
1. In merito al punto 7 della bozza di parere:
«7) si rende necessario inoltre rafforzare, per quanto riguarda il liceo musicale e coreutico, il monte ore destinato alle discipline storiche di indirizzo, quali storia della musica e storia della danza, al fine di meglio garantire una solida preparazione culturale»,
            si fa presente che la “solida preparazione culturale”, nel liceo musicale e coreutico, la si ottiene non solo aumentando il monte ore delle discipline storiche (fatto in sé condivisibile), ma anche programmando momenti formativi a carattere interdisciplinare in cui far interagire la storia con le altre discipline musicali, con la letteratura e le altre arti. Va infatti ricordato che la “pratica” strumentale non si esaurisce in un mero “esercizio tecnico” fine a se stesso, ma si sostanzia, nel momento dell'apprendimento strumentale stesso, con approfondimenti di carattere storico e culturale al fine di realizzare una “interpretazione” adeguata dell'opera.
2. Per quanto riguarda le osservazioni del punto 8:
«8) sempre con riferimento al liceo musicale e coreutico, nelle more del processo di attuazione della legge n. 508 del 1999 e del riordino del settore, appare necessario privilegiare la scelta di attivazione delle sezioni previste dall'articolo 13, comma 6, dello schema di decreto attraverso lo strumento della convenzione tra licei ed istituzioni dell'Afam consentito dall'articolo 2, comma 8, lettera g), della medesima legge 508/1999. Ciò, al fine di tutelare la tradizione di eccellenza degli studi musicali e coreutici, integrandola con la tradizione liceale, e di tutelare la possibilità di accesso all'Alta formazione artistica, musicale e coreutica»,
            si valuta che - pur ritenendo possibile (e per altri versi necessaria) un'interazione tra istituzioni AFAM e Licei al fine di collaborazioni e scambi funzionali, in particolare, all'orientamento per il proseguimento degli studi post-secondari - il Liceo musicale e coreutico debba essere strutturato e reso funzionante in piena autonomia, prevedendo quanto prima un corpo docente con ruoli specifici e relative classi di concorso (assunto a tempo indeterminato) per tutte le discipline previste dal piano di studi.
            La “tradizione di eccellenza degli studi musicali” non si può preservare solo affidando l'insegnamento a docenti di conservatorio che, tra l’altro, difficilmente potrebbero garantire, per i cinque anni del liceo, quella continuità didattica indispensabile (questa sì) a sviluppare appunto l’”eccellenza”. Senza contare i problemi di natura giuridica e contrattuale connessi agli obblighi della funzione docente del segmento secondario (partecipazione ad organi collegiali, condivisione del momento delle valutazioni, programmazione del POF, ecc.) cui dovrebbero ottemperare docenti del comparto AFAM, di pari grado universitario (sarebbe in sostanza come ipotizzare che a insegnare “Storia della musica” nei futuri Licei fossero chiamati, “per garantire le eccellenze” i professori universitari in discipline musicologiche).
            Desideriamo poi richiamare l’attenzione sul fatto che, tra i diplomati e abilitati nei Conservatori nonché tra i docenti già in ruolo nel segmento della secondaria di I e II grado, non mancano certamente professionalità adeguate a svolgere il ruolo di docenti di materie musicali con specifiche competenze ed “eccellenze”, nonché con esperienza specifica nel comparto Scuola.
3. Infine, in relazione al punto 9:
«9) si ritiene inoltre necessario verificare la possibilità di superare, senza oneri aggiuntivi, il limite posto di 40 sezioni musicali e 10 sezioni coreutiche»,
            pur consapevoli dei limiti di copertura economica entro cui l’attuazione della riforma è costretta, riteniamo importante che venga auspicato uno sforzo complessivo dei vari soggetti chiamati ad intervenire economicamente, al fine di predisporre, in ordine al personale qualificato da assumere, all’adeguamento acustico degli ambienti, alle attrezzature e agli strumenti da mettere a disposizione degli studenti, alle biblioteche da attrezzare con partiture e pubblicazioni specifiche, ecc., un adeguato investimento, superando l’idea che si tratti di una spesa improduttiva.
            Dopo decenni di attesa di precise e concrete scelte politiche in ordine alla conduzione a sistema della formazione musicale nei diversi gradi d’istruzione, l’assenza di questo segnale di inequivocabile investimento sul futuro dei nostri giovani artisti risulterebbe per certi versi sin offensiva alla coscienza civica e culturale di un Paese dalle invidiabili e ricche tradizioni artistico-culturali (scritte e orali) quale l’Italia.  
            Auspichiamo quindi che il parere della Commissione possa in qualche modo accogliere le osservazioni qui espresse e sollecitiamo i Parlamentari competenti a farsi carico delle istanze che provengono da chi, quotidianamente, dentro e fuori la “trincea” della scuola, cerca di far sì che la formazione musicale di tutti i cittadini non sia ridotta a optional di svago, ma sia considerata componente fondamentale per lo sviluppo della persona e, in quanto arte e scienza, risorsa professionale, culturale nonché economica.

Le Associazioni

- AIdSM – Associazione Italiana delle Scuole di Musica
- AIKEM – Associazione Italiana Kodaly per l’Educazione Musicale
- CAM Centro Attività Musicali Aureliano - Roma
- CODIM – Comitato Docenti Indirizzo Musicale
- COMusica – Coordinamento dell’Orientamento Musicale
- Coordinamento nazionale per la riforma della formazione artistica, musicale e coreutica
- DDM-GO Docenti Didattica della Musica – Gruppo Operativo
- FIM – Federazione Italiana Musicoterapeuti
- La Musica Interna – Bologna
- Liberenote Musica e cultura - Firenze
- Musicheria e CSMDB – Centro Studi musicali e sociali “Maurizio Di Benedetto”
- OSI – Orff Schulwerk Italiano
- ReteA77 - Coordinamento degli abilitati e abilitandi in strumento musicale e Anief - Associazione nazionale professionale e sindacale
- Scuola Popolare di Musica di Testaccio – Roma
- Scuola Popolare di Musica Donna Olimpia – Roma
- SIEM - Società Italiana per l’Educazione Musicale

lunedì 11 febbraio 2013

Manifesto del Forum per l'educazione musicale (2009)

-->
MANIFESTO DEL FORUM PER L’EDUCAZIONE MUSICALE
(febbraio 2009)

Il Forum nazionale delle Associazioni musicali per l’Educazione musicale costituisce un luogo di interazione e di valorizzazione delle potenzialità delle associazioni aderenti; agisce nel rispetto delle diverse autonomie e nella piena consapevolezza che nelle sue varie manifestazioni la Musica svolge un ruolo culturale ed estetico imprescindibile nell’intero arco dell’esperienza umana e che la formazione alla musica è un diritto fondamentale di tutti i cittadini.

Considerata l’ampiezza e la qualità degli interventi che l’associazionismo da tempo svolge nell’area delle attività musicali educative, il Forum nazionale delle Associazioni musicali per l’Educazione musicale si pone i seguenti obiettivi:

– promuovere in ambito culturale, sociale e politico il riconoscimento del ruolo dell’associazionismo per l’educazione musicale nella diffusione a tutti i livelli formativi di buone pratiche e di esperienze educative musicali;

– sollecitare le istituzioni in ordine all’esigenza di garantire ed estendere la presenza stabile ed organica dell’insegnamento della musica nella scuola di ogni ordine e grado, con docenti in possesso di adeguate competenze certificate;

– operare per favorire la costituzione a livello regionale di Sistemi Formativi Integrati Musicali che coinvolgano organismi istituzionali (Conservatori di musica, Università, Scuole, Enti locali) ed associazionismo (terzo settore) sia nell’ambito educativo-scolastico, che nell’ambito di progetti rivolti al sociale;

- far emergere  il ruolo che le Associazioni – in collaborazione con i Conservatori di Musica, le Università e la Scuola – possono avere nella formazione iniziale e continua degli insegnanti e di operatori musicali nel settore socio-educativo;

– sollecitare le Istituzioni ad autorizzare formule amministrative e fiscali che favoriscano la diffusione dell’educazione musicale.

A tal fine il FORUM si propone di attuare manifestazioni pubbliche (momenti di aggregazione, di sensibilizzazione e di sollecitazione nei confronti di Istituzioni pubbliche e private) e di dar loro la più ampia risonanza possibile.

ADUIM- Associazione Docenti Universitari Italiani- www.aduim.eu
AIJD - Associazione Italiana Jaques-Dalcroze - www.dalcroze.it
AIdSM Associazione italiana delle scuole di musica – www.aidsm.it
AIKEM - Associazione Italiana Kodály per l'Educazione Musicale - www.aikem.it
CAM Centro attività musicali Aureliano - www.aureliano.it
CENTRO GOITRE - Centro Studi di Didattica Musicale Roberto Goitre - www.centrogoitre.com
CDM onlus - Centro Didattico Musicale - www.centrodidatticomusicale.it
COMUSICA - Coordinamento dell'Orientamento Musicale - www.comusica.name
CSMDB - Centro Studi musicali e sociali Maurizio Di Benedetto – www.csmdb.it
DDM-GO - Docenti Didattica della Musica - Gruppo Operativo - www.geocities.com/ddm_go/
FENIARCO - Federazione Nazionale Italiana Associazioni Regionali Corali - www.feniarco.it
FIM- Federazione Italiana Musicoterapeuti- www.musicoterapia.it
MUSICHERIA.net - www.musicheria.net
OSI – Orff-Schulwerk Italiano - www.orffitaliano.it
Il SAGGIATORE / SagGEM – Gruppo per l'Educazione Musicale - www.saggiatoremusicale.it
SIEM - Società Italiana per l'Educazione Musicale - www.siem-online.it
SMPT Scuola popolare di musica di Testaccio - www.scuolamusicatestaccio.it
SPM Donna Olimpia - Scuola Popolare di Musica Donna Olimpia - www.donnaolimpia.it

domenica 10 febbraio 2013

Documento sulle recenti proposte di provvedimenti legislativi in materia di formazione dei docenti (agosto 2008)

-->
 Al Ministro dell’Istruzione, dell'Università e della Ricerca On. Mariastella Gelmini
Al Presidente e agli Onorevoli componenti della VII Commissione del Senato
Al Presidente e agli Onorevoli componenti della VII Commissione del Camera
e p.c.
al CNAM
alla Conferenza dei Direttori dei Conservatori di Musica
alle OO.SS (loro sedi)
agli Organi di Stampa
 

Illustre Ministro, onorevoli Presidenti,

a nome e per conto del Forum per l'Educazione Musicale, trasmettiamo in allegato un breve documento in merito alle "recenti proposte di provvedimenti legislativi in materia di formazione dei docenti".
Confidando nell'attenzione alle criticità ivi evidenziate, con l'auspicio di una correzione dei provvedimenti posti in essere, ci facciamo latori dell'istanza di avvio di un proficuo dialogo tra le Istituzioni in indirizzo e le Associazioni aderenti al Forum firmatarie del suddetto documento.
Con viva cordialità,

Annalisa Spadolini [coordinatrice per la SIEM del "Forum per l'Educazione Musicale"]  
Roberto Neulichedl [Presidente SIEM]

 

Documento sulle recenti proposte di provvedimenti legislativi
in materia di formazione dei docenti.


Le scriventi associazioni aderenti al Forum per l'Educazione Musicale esprimono fortissima preoccupazione per la recente proposta di provvedimento legislativo (DL 112/08) che prevede la sospensione delle Scuole di Specializzazione per l'Insegnamento Secondario (SSIS) in assenza di un quadro organico d'interventi a favore della formazione iniziale degli insegnanti.
Tale provvedimento giunge improvviso e in un contesto di gravi carenze di pianificazione del rapporto fra impianto curricolare, formazione degli insegnanti e procedure di reclutamento dei docenti. L'attuale fragile assetto del quadro generale, in assenza di una seria verifica dei modelli di formazione sperimentati e di una solida prospettiva futura, rischia di trasformarsi nell'ennesimo fattore destabilizzante per il mondo della scuola.
È inoltre motivo di grave preoccupazione la paventata proposta (già emersa in passato) di accorpamento di varie classi di concorso, nello specifico delle classi A031/32 e A077.
Pur comprendendo ragioni di razionalizzazione delle risorse e consci dell'esistenza in Europa di modelli di organizzazione didattica basata su competenze allargate dei docenti, si ritiene che per il settore musicale una simile prospettiva minerebbe alla radice la preziosa esperienza didattico-organizzativa delle Scuole Secondarie di primo grado ad Indirizzo Musicale, le quali, poste ad ordinamento dal '99, rappresentano oggi l'unico segmento che ha visto la messa a sistema di una formazione musicale strumentale capace di coniugare la doppia prospettiva educativa e professionalizzante.
L'auspicio delle Associazioni aderenti a questo Forum è che si dia immediata attuazione ai Licei Coreutico-Musicali.
Si chiede altresì che sia contestualmente garantito ad ogni individuo l'apprendimento musicale in ogni ordine e grado d'istruzione, quale competenza chiave raccomandata dal Parlamento Europeo [18.12.2006 - 2006/962/CE] nei termini di una:
"Consapevolezza dell’importanza dell’espressione creativa di idee, esperienze ed emozioni in un’ampia varietà di mezzi di comunicazione, compresi la musica, le arti dello spettacolo, la letteratura e le arti visive."
------------------
il Forum per l'Educazione Musicale

ADUIM - Associazione Docenti Universitari Italiani di Musica - www.aduim.eu
AIdSM - Associazione Italiana delle Scuole di Musica - www.aidsm.it
AIGAM - Associazione italiana Gordon per l’apprendimento musicale- www.aigam.org
AIJD - Associazione Italiana Jaques-Dalcroze - www.dalcroze.it
AIKEM - Associazione Italiana Kodály per l'Educazione Musicale - www.aikem.it
CAM - Centro Attività Musicali Aureliano - www.aureliano.it
CDM - Centro Didattico Musicale - www.centrodidatticomusicale.it
CENTRO GOITRE - Centro Studi di Didattica Musicale Roberto Goitre - www.centrogoitre.com
CSMDB - Centro Studi musicali e sociali Maurizio Di Benedetto – www.csmdb.it | MUSICHERIA.net 
COMUSICA - Coordinamento dell'Orientamento Musicale - www.comusica.name
DDM-GO - Docenti Didattica della Musica - Gruppo Operativo - www.geocities.com/ddm_go/
FENIARCO - Federazione Nazionale Italiana Associazioni Regionali Corali - www.feniarco.it
FIM - Federazione Italiana Musicoterapeuti-  www.musicoterapia.it
Il Saggiatore Musicale / SagGEM – Gruppo per l'Educazione Musicale - www.saggiatoremusicale.it
LIBERENOTE - Musica e Cultura – www.stagegiovani.it
MUSICA in CULLA - Coordinamento Nazionale - www.musicainculla.it
OSI – Orff-Schulwerk Italiano - www.orffitaliano.it
SPM Donna Olimpia - Scuola  Popolare di Musica Donna Olimpia - www.donnaolimpia.it
SPMT - Scuola Popolare di Musica di Testaccio www.scuolamusicatestaccio.it
SIEM - Società Italiana per l'Educazione Musicale - www.siem-online.it

sabato 9 febbraio 2013

Dai il LA alla Musica (maggio 2008)

-->


Dai il La alla Musica
[comunicato stampa]

La SIEM. il COMUSICA, il Comitato Nazionale per l'Apprendimento pratico della musica, le associazioni aderenti al Forum per l'Educazione musicale, lanciano l'iniziativa Dai il La alla Musica, con il sostegno del Ministero della Pubblica Istruzione.

Nell'ambito della Settimana della Musica (2-8-maggio 2008) le scuole pubbliche e le scuole di musica d’Italia che aderiranno all'iniziativa intoneranno l'Inno alla gioia di Ludwig van Beethoven adottato dal Consiglio d'Europa come inno europeo dal 1972.

L'appuntamento è simbolicamente per il 7 maggio 2008 alle ore 12 per le scuole pubbliche e alle ore 18.00 per le scuole di musica, con un LA intonato per un minuto da voci e strumenti come un solo corpo risuonante.
Con questo gesto sonoro i promotori intendono richiamare l'attenzione della società civile, della classe politica e del mondo della cultura, sul ruolo irrinunciabile della musica e di tutte le arti nella crescita della coscienza critica e sul diritto allo sviluppo della dimensione poetica dell'esistenza umana.
In particolare si auspica:
  • il giusto riconoscimento della dimensione artistico/estetica quale cardine dello sviluppo umano: culturale, espressivo, sociale ed economico/ecologico;
  • l'assunzione di un forte impegno per l'emanazione di provvedimenti legislativi strutturali (nazionale e regionali) atti a garantire il pieno sostegno ad interventi educativo/formativi nel settore della musica e di tutte le espressioni artistiche, sia istituzionali che associativi.
"Per provare l'ebbrezza di andare
ai 440 al secondo
verso l'infinito"

Informazioni, partiture e altri materiali agli indirizzi:

-------------------------
Con l'adesione per Forum dell'Educazione Musicale di:
AIdSM - Associazione Italiana delle Scuole di Musica www.aidsm.it
AIKEM - Associazione Italiana Kodály per l'Educazione Musicale - www.aikem.it
CENTRO GOITRE - Centro Studi di Didattica Musicale Roberto Goitre - www.centrogoitre.com
DDM-GO - Docenti Didattica della Msuica - Gruppo Operativo - www.geocities.com/ddm_go/
FENIARCO - Federazione Nazionale Italiana Associazioni Regionali Corali - www.feniarco.it
MUSICHERIA.net - www.musicheria.net
OSI – Orff-Schulwerk Italiano - www.orffitaliano.it
Il SAGGIATORE / SagGEM – Gruppo per l'Educazione Musicale - www.saggiatoremusicale.it
SPM Donna Olimpia - Scuola  Popolare di Musica Donna Olimpia - www.donnaolimpia.it
SPMT - Scuola Popolare di Musica di Testaccio www.scuolamusicatestaccio.it

-------------------------
hanno già aderito:
Associazione Scuola "Sylvestro Ganassi" - Roma
Centro Attività Musicali AURELIANO
Insieme per Fare onlus – Roma
HELIKONIA edizioni e produzioni musicali - Roma
Novamusica e Arte - Roma
R.I.M.A. associazione musica insieme - Roma
Scuola Popolare di Musica di Villa Gordiani - Roma 
Scuola di Musica Timba - Roma 
Scuola di musica CIAC – Roma
Ass. Cult. Scuola di Musica L’Esacordo – Roma
Associazione artistico-musicale "NABLIUM" – Latina 
Collegium Musicum - Latina
Coordinamento provinciale DAM (Diritto alla Musica)- Latina
7° circolo didattico - Latina